Di uova d’oro e finti marmi

menu2016_piano35_051web

Il mio approccio al mondo della fotografia di cibo è avvenuto attraverso gli occhi e il cuore di una cara amica e brava fotografa, Alessandra Tinozzi.

Ho sempre fatto la spesa e cucinato per il puro sostentamento; fatto salvo per gli anni in cui mi sono eretta a paladina integerrima della cucina macrobiotica, a cui devo la guarigione da un problema di salute e la scoperta di seitan, tofu e alghe e la sperimentazione di ingredienti mai-più-senza come il miso di riso o l’acidulato di umeboshi, le mie ricette non si sono mai allontanate molto da pasta con le verdure e verdure e basta. Non mangio carne da quando ho memoria, nonostante le nonne cercassero di conquistarmi a suon di finanziera e bollito alla piemontese e mia madre, che mi conosce meglio di chiunque altro, nascondesse il demonio in trionfi di salse colorate. L’esuberanza delle forme delle creste di gallo facilmente smascherabili in mezzo alle viscere di animali altri e ignoti e perciò ancora più terrificanti, la tenerezza delle lingue che mi veniva da piangere a pensare che anche io avevo una lingua (ma senti come si taglia bene con la forchetta) e del petto di pollo che questo lo mangiano tutti i bambini,  hanno sortito in me l’effetto contrario a quello sperato.

Questo lungo e macabro preambolo per dire che sì, anche a me piace mangiare, amo la buona cucina e la convivialità di un pasto condiviso in un luogo piacevole, ma non mi sono mai soffermata granché sul chilometro zero, sul coltello giusto, sul diametro della padella e sui tempi di cottura. Figuriamoci sulla presentazione estetica.

Poi è arrivato “il tempo delle uova d’oro” di Ivan Milani. Alessandra, che fotografa food e chef da molti anni, mi ha raccontato la storia del piatto che le ha dedicato suo marito e ha fatto innamorare anche me. Esiste un tempo, effettivamente, dove non solo le cose si trasformano e maturano, ma si ha la netta percezione che questo formidabile cambiamento agìto nel corso degli anni e sostenuto da amore puro e dedizione alle proprie passioni stia accadendo realmente. Esiste la possibilità che in un tempo preciso, quello in cui si è pronti, quello dell’intuizione del cambiamento, le vite delle persone si incontrino e producano uova d’oro per sé e per altre vite.

Quando Alessandra mi ha coinvolta nel progetto fotografico dei piatti del menù di Piano35, esattamente un anno fa, la consapevolezza di una trasformazione in atto era chiara e aveva il colore dell’oro anche per me.

Così mi sono cimentata, per la prima volta, nella realizzazione di fondali fotografici su cui immortalare i piatti di Ivan. Ho pensato, per la prima volta, a quanto fosse importante il tempo dedicato alla preparazione del cibo, per sé e per le persone che lo condividono quotidianamente o in occasioni speciali, a quante storie anonime o memorabili si portino dietro le ricette di pietanze che non si cucinano più o che sono state tramandate nel corso degli anni, dei secoli. Da questa riflessione è nata l’idea di scattare le immagini fotografiche su finti marmi che avrei realizzato a mano sulla base di una approfondita conoscenza dei materiali accumulata nei cantieri di restauro: il cibo doveva essere il fil rouge che unisce la storia e l’architettura della Torino barocca a un presente “futurista” ben rappresentato dal grattacielo di Renzo Piano.

P35_menu_II_Guancia_Maialino_Pata_Negra_purèe_patate_ratte-3

menu2016_PIANO35_105web

P35_menu_II_Piccione_foie_gras_agrumi-1

Durante la progettazione dei set fotografici, Alessandra ha ritenuto importante inserire nelle immagini il calore di una presenza, rintracciabile in una mano nell’atto di impugnare una posata o in un oggetto vicino al piatto, a raccontare una storia vera in cui immedesimarsi e ad avvicinare lo spettatore al cibo nella sua connotazione umana, dalla terra di origine a chi lo cucina, a chi lo porta in tavola, a chi lo consuma.

Inutile dire quanto mi sia divertita a dipingere finti marmi su tavole di legno assemblate ad hoc delle dimensioni di un metro per un metro e mezzo, quanto abbia imparato da Alessandra e quanto mi sia appassionata alla fotografia di cibo, quanto mi sia sacrificata con gioia ad assaggiare i piatti di Ivan (quelli senza carne, touché) dopo gli scatti.

P35_menu_II_Animelle_agnello_e_gambero-2

P.S: Ironia della sorte dettata da una imprescindibile scelta cromatica in linea con il contenuto del piatto, seduti in mezzo a un prato di montagna nella foto immortalata vicino al “piccione e foie gras al profumo di agrumi” ci siamo io e mio fratello in tenera età; lui, però, la carne la mangia.

Annunci

Amor fati

img_7239

È il caso di dirlo se si tratta di nozze, è doveroso citarlo se si celebra a Eze, dove nel 1883 Nietzsche concepì la terza parte di uno dei libri che più ho amato in gioventù: Così parlò Zarathustra. 

Sul sentiero che porta il nome del filosofo e che collega Eze al mare della Costa Azzurra, ho apparecchiato la mia prima mis en place per un matrimonio. Non un matrimonio vero, perché l’inerpicato cammino percorso da Nietzsche non sarebbe adatto ad accogliere nemmeno una ristretta cerchia di amiche (senza tacchi) della sposa e di parenti mediamente agili e âgées.

L’occasione è nata da una mia collaborazione con i bravi Purewhite Photography a un progetto editoriale recentemente pubblicato da Elizabeth Anne Designs. L’ispirazione per l’allestimento del set e della mis en place prende spunto da un gusto vintage indubbiamente contemporaneo, attinge al mio amore per gli oggetti del passato e predilige il lavoro di giovani crafters con la passione per i materiali ecologici.

I tessuti sono stati realizzati da Food for Good, che ricerca e sottopone gli scarti di frutta e verdura a processi estrattivi da cui ricavare biancheria e carte colorate, creando un virtuoso riciclo del cibo spesso invenduto per pure ragioni estetiche. Il colore della tovaglia che ho scelto per questo lavoro è un luminoso giallo con sfumature più intense ottenuto dalla bollitura dei carciofi di Napoli, mentre i tovaglioli devono la delicatezza del loro rosa pastello alle cipolle di Tropea.

I piatti sono firmati Biancodichina, sono stati realizzati ad hoc in porcellana e si ispirano alla natura e alle sue forme morbide, perfetti per una location bucolica e romantica come la nostra. Posate, bicchieri e bottiglie di vetro, vasi e ampolle sono parte del mio fortunato bottino che continua ad arricchirsi grazie a mercatini e rigattieri di fiducia.

Il bouquet e i fiori che decorano tavolo e sedie sono di Simmi, gli inviti, i segnaposti e il lettering di Cecilia B.

img_7493

img_7548

img_7750

img_7788

img_7398

img_8138

img_7382

P.S: Complici la caldissima giornata di maggio e la durata dello shooting, nessuno ha mangiato la splendida torta che troneggia come immagine di copertina. Mundus crudelis est.